Catalogo
delle attrezzature

E’ il catalogo dell’offerta di apparecchiature utilizzate per attività di ricerca, analisi e sperimentazione presenti nei Laboratori della Rete Alta Tecnologia.
Per ogni attrezzatura sono riportate caratteristiche, funzionalità, localizzazione e modalità di accesso.
Utilizzando la prima riga della tabella è possibile effettuare ricerche sull'intero database
Azzera la ricerca
Risultati 101-120 di 1373
NomeDescrizioneLaboratorioProvince
 
Armadio termostatico con controllo temperatura ed umidità

Armadio climatico per simluazione cicli ambientali ed effettuazione test di traspirabilità materiali.

Operatività nei seguenti range di funzionamento:


Temperatura: -25/60°C
Umidità: 20/95%

Accuratezza nella misura della temperatura: ±1°C
Accuratezza nella misura dell'umidità: ±5%

CertiMaCRA
Atomizzatore a spruzzo (Spray dryer)

L’ATOMIZZAZIONE, più comunemente noto come “spray-drying” è un consolidato metodo di essiccamento di sospensioni ceramiche iniziato da una fase di spraying (atomizzazione) di una sospensione, con formazione di gocce, seguita da una fase di essiccamento all’interno di una camera calda e da una finale fase di recupero della polvere. La tecnica "spray-drying" all’ISTEC viene applicata a nano sol ceramici e/o soluzioni di precursori con la possibilità di ottenere le seguenti strutture:


1) aggregati sferici micro/sub micrometrici di polveri ceramiche che conservano la nano strutturazione e la nano reattività delle particelle primarie da cui sono composti ma presentano migliore maneggiabilità, scorrevolezza, omogeneità, rispetto alle polveri di partenza e la possibilità di fungere da agenti templanti e/o encapsulanti per principi attivi organici (farmaci, additivi) o inorganici (nanoparticelle)

2) aggregati sferici micro/sub micrometrici di precursori di polveri ceramiche che conservano l’esatta stechiometria della soluzione da cui derivano

CNR-ISTECRA
Attrezzatura per riempimenti con gas ad altissima purezza

Attrezzatura per effettuare riempimenti di circuiti o contenitori con gas inerti ad altissima purezza (6.0), ad un pressione massima di 200 bar. Sono eseguibili anche riempimenti a basse pressioni (5-6 bar). E' possibile effettuare cicli di pulizia del circuito o contenitore da riempire (cicli di pressione, flussaggio e vuoto).

DTMMO
Attrezzature informatiche e software specialistici per l'economiaCIDEAPR
Attrezzature per allestimento di colture cellulari e ingegneria tessutale: cappe a flusso laminare, spettrofotometri, microscopi rovesciati, sistema per analisi di immagine.Allestimento di colture e co-colture cellulari di linea e primarie di origine umana ed animale (fibroblasti, osteoblasti, osteoclasti, condroblasti, tenociti, legamentociti, cellule epiteliali intestinali e cellule staminali mesenchimali di origine diversa). Le colture cellulari vengono impiegate per studiare la biocompatibilità dei materiali da impianto per contatto diretto o preparazione di estratti (seguendo le norme ISO 10993), valutare tecniche di ingegneria tessutale, nuovi scaffold e fattori di crescita per la rigenerazione dei tessuti.  Allestimento di colture cellulari provenienti da tessuti di soggetti affetti da frequenti patologie o errati stili di vita (es osteoporosi da invecchiamento e carenza estrogenica, osteoartrosi, assunzione cronica di glucocorticoidi, alcoolismo) per studi di patogenesi e fisiopatologia e per valutare la risposta cellulare ai biomateriali in condizioni che più si avvicinano alla situazione clinica.Rizzoli RITBO
Attrezzature per allestimento di preparati istologici per tessuti decalcificati e non: microtomi, sistema di taglio e abrasione, levigatrice, microscopi otticiAllestimento di  preparati istologici di vari tessuti molli e duri sia decalcificati che mineralizzati, per valutazioni di biocompatibilità dei biomaterali da impianto (seguendo norme ISO 10993), reazioni infiammatorie agli impianti, proprietà rigenerative di biomateriali, scaffolds per ingegneria tessutale o dispositivi protesici, riparazione dei tessuti a seguito di trattamenti innovativi per la terapia delle lesioni degenerative, traumatiche, neoplastiche, infiammatorie.Rizzoli RITBO
Attrezzature per la stabulazione, manipolazione e gestione di modelli in vivo, anche per particolari esigenze di ricerca (es. soggetti immunodepressi, transgenici e Knock- out)

Vengono svolte attività di ricerca in vivo secondo il D.L.vo n. 116/92, le norme ISO 10993, e la “Raccomandazione della Commissione del 18 Giugno 2006”. Per ogni ricerca viene allestito un protocollo che viene presentato per approvazione a Direzione Scientifica e Comitato Etico IOR, e quindi inviato al Ministero della Salute ed altre autorità competenti. Le terapie o i biomateriali che sono stati preventivamente ed esaurientemente studiati in vitro e che hanno dato risultati promettenti per la cura dei pazienti, vengono successivamente valutati in affidabili modelli sperimentali in vivo. Seguendo il principio delle tre R di Russell e Burch “replace, reduce, refine”, questi modelli vengono allestiti ed impiegati attualmente per studiare:

  • biocompatibilità (come richiesto e seguendo norme ISO 10993)
  • tecniche di ingegneria tessutale (in situ ed in vitro) e medicina rigenerativa per il trattamento di lesioni acute, croniche, infiammatorie, neoplastiche di tessuti molli e duri di scaffolds, fattori di crescita e cellule non differenziate e differenziate
  • l’impiego di cellule staminali, fattori di crescita ed altre molecole segnale per migliorare l’osteointegrazione dei biomateriali protesici
  • le proprietà condroinduttive, osteoconduttive, osteoinduttive ed osteogeniche di biomateriali (biologici e di sintesi) per il trattamento dei difetti ossei in tessuto trabecolare e corticale
  • le proprietà terapeutiche ed antiadesive di biomateriali e cementi caricati con antibiotici
  • tecniche di stimolazione biofisica
  • tecniche innovative per il trattamento di tumori e metastasi ossee.

Rizzoli RITBO
Attrezzature per test di carico quasi-statici

Attrezzature per eseguire prove di carico statiche su strutture aerospaziali e componenti meccanici che richiedono appositi test di qualifica.

Possibilità di strumentare con estensimetri l'oggetto da testare.

Carichi applicabili con l'attrezzatura di test n°1:

  • Carico compressione/trazione: 36000 N
  • Carico di taglio: 18000 N
  • Momento flettente: 21600 Nm.

Carichi applicabili con l'attrezzatura di test n°2:

  • Carico compressione/trazione: 2 MN  (200 t)
  • Carico di taglio 200 kN  (20 t)
  • Momento flettente 3.8 MNm  (3.8e+9 Nm).

I setup di prova di queste attrezzature possono essere customizzati per adattarli alle esigenze degli utenti.

DTMMO
Attuatori servoidraulici da 1000KN e 500KN per prove statiche cicliche o dinamicheCIRI EDILIZIA E COSTRUZIONIBO
AUTOCAMPIONATORE LKB REDIFRAC PHARMACIAAccessorioTERRA&ACQUATECHFE
AUTOCAMPIONATORE PER IONOCROMATOGRAFO AS-40 DIONEXAccessorioTERRA&ACQUATECHFE
Autocampionatore SPME

Autocampionatore per liquidi, gas e per microestrazione in fase solida.

Abbinato ad uno strumento GC-MS consente l'analisi quali-quantitativa di contaminanti volatili e semivolatili presenti nelle matrici di interesse anche a livelli di tracce, rende possibile la caratterizzazione del profilo aromatico di alimenti o imballaggi. 

CIPACKPR
AutoclavePermette la realizzazione di prototipi e dimostratori in materiali compositi avanzati (Fibre di Carbonio/Resine epossidiche)CIRI AEROSPAZIOFC
Autoclave di sterilizzazione - - MCF SPA

Sterilizzazione pilota per produzione conserve appertizzate

CIRI AGROALIMENTAREFC
Autoclave per prototipazione di componenti in materiali compositi

Autoclave per realizzare componenti in materiali compositi. Consente di effettuare cicli di temperatura (max. 200°C)  e pressione (max. 8 bar), applicando contemporaneamente il vuoto al sacco che avvolge il componente in cura.

Dimensioni interne: diametro 1500 mm x lunghezza 3000 mm

 

DTMMO
Autoclave pilota ad acqua a scatola rotante StockPer la sterilizzazione di conserve in banda stagnata, vetro e materiale flessibile SSICAPR
AutoMACS pro-separator kit Sistema automatizzato di purificazione di subset cellulari mediante procedure immunomagnetiche

Lo strumento e la tecnologia applicata consentono l’isolamento, o l’arricchimento, di  praticamente qualsiasi tipo cellulare, anche da sangue intero, con procedure ben standardizzate.

LTTAFE
AUTOMATED SOLID PHASE EXTRACTOR ?NAVIGLIOEstrattore solido-liquida a freddo sotto pressione, per sostanze termolabiliTERRA&ACQUATECHn.d.
Azionamenti elettrici - Attrezzature Prototipazione VirtualeProgrammazione e controllo per verifiche su sistemi a dinamiche complesseCIRI MECCANICA E MATERIALIBO
Bact Alert (Biomerieux), convalidatoTest microbiologico su prodotti per terapie avanzate (Eu. Ph. 2.6.27)Rizzoli RITBO