Catalogo
delle attrezzature

TPM - TECNOPOLO MIRANDOLA "Mario Veronesi" - attrezzature

Utilizzando la prima riga della tabella è possibile effettuare ricerche sull'intero database
Torna alla pagina del laboratorio

Risultati 1-12 di 12
Nome attrezzaturaDescrizione 
  
3D Bioplotter

Strumento capace di realizzare supporti porosi per la Computer Aided Tissue Engineering (CATE).

Come dato di input la macchina prende un modello tridimensionale esterno che può essere sia progettato che ricavato da dati CT e come output fornisce uno scaffold delimitato esteriormente dal file di input e con una struttura interna porosa definibile in maniera arbitraria secondo le varie esigenze. I materiali trattabili sono innumerevoli, in quanto la macchina ha il solo vincolo di trattare materiali che siano allo stato fluido durante la deposizione. Per questo motivo le teste di deposizione hanno la possibilità di operare con un range di temperature complessivo che va da 0°C a 250°C. Inoltre anche il piatto di deposizione può essere utilizzato a temperatura controllata con un range da -10°C a 80°C. Il fatto di avere completo controllo della temperatura e della pressione (fino a 8ATM) di deposizione consente alla macchina di utilizzare anche materiali biologici, che possono essere depositati contemporaneamente al materiale strutturale.

Camera Climatica

Strumento per i test di invecchiamento accelerato. Mediante le impostazioni dei parametri di temperatura e di umidità e l’uso della lampada UV è possibile mimare, in vitro, il processo di invecchiamento dei singoli biomateriali o dei medical device.

Citofluorimetro a flusso

Strumento per l’analisi cellulare di antigeni di membrana ed intracellulari al fine di studiare i processi di differenziamento e di attivazione cellulare. Inoltre consente di effettuare una analisi della vitalità cellulare e del contenuto di DNA. Lo strumento è equipaggiato con laser blu (488nm) e laser rosso (638 nm) e con il software CytExpert.

Emocitometro

Consente di eseguire analisi ematologiche con misurazioni dell’emocromo con formula, valutazioni dell’emoglobina, conte piastriniche e parametri ad esse relati.

IHC facility

Il laboratorio dispone degli strumenti necessari per indagini immunoistochimiche: una piattaforma semiautomatizzata per l’inclusione in paraffina di biopsie umane e animali, un dispenser in paraffina e un microtomo.

In Vivo Imaging

Strumento per analisi in fluorescenza, raggi X e luminescenza di piccoli animali (topi e ratti) in anestesia totale con isofluorano.

Lettore Micropiastre

Piattaforma dotata di tecnologia EPIC® per eseguire saggi label-free sia cellulari che biochimici e in grado di fornire elevate prestazioni per assorbanza e fluorescenza, alpha technology e TRF.

Microscopio Axio Imager M2

Microscopio diretto in campo chiaro e fluorescenza per cellule e tessuti su vetrino. Il microscopio consente ingrandimenti elevati sino a 63X e 100X e osservazioni in quattro diverse lunghezze d’onda.

Microscopio Axio Zoom V16

Microscopio avanzato di ultima generazione per l’osservazione di materiali, piccoli animali, cellule in sistemi di coltura bi- e tridimensionale e tessuti su vetrini. Oltre a lavorare in campo chiaro è dotato di fluorescenza e sistema di sezionamento ottico in fluorescenza. E’ attualmente l’unico strumento che utilizza la fluorescenza su un sistema di luce strutturata per il rilevamento 3D delle immagini attraverso il modulo APOTOME2.

Microscopio EVOS - FL

Microscopio a fluorescenza dalle potenzialità versatili che consente di lavorare in condizioni di sterilità in cappe a flusso laminare per la visualizzazione e la manipolazione di colonie cellulari (es: iPS).

Spettrometro di Massa, accoppiato ad UPLC ed APGC

Strumento ampiamente utilizzato per studi di tipo tossicologico. In particolare, per l’analisi di piccole molecole organiche non volatili attraverso cromatografia liquida (UPLC) e per specie volatili mediante gas cromatografia a pressione atmosferica (APGC). Lo strumento è dotato di una sorgente ESI e di una sorgente APCI accoppiate ad un sistema UV per l’analisi di molecole non ionizzabili (PDA) e/o ad un analizzatore ad altra risoluzione QTOF.

Stampante 3D

Stampante in grado di realizzare prototipi in materiale plastico di una dimensione massima pari al piano di lavoro di dimensioni 255 × 252 × 200 mm. I materiali utilizzati sono monomeri fotosensibili che polimerizzano a contatto con la luce passando dalla fase liquida alla fase solida. La macchina si basa sulla tecnologia additiva PolyJet® di Stratasys che consente la realizzazione di pezzi complessi con uno spessore tra uno strato e l’altro di materiale nel verso di costruzione di 16µm e con precisioni fino a 20µm per prototipi fino a 50mm e fino a 200µm per prototipi a dimensione massima. La macchina in questione è in grado di gestire numerosi tipologie di materiali: tipici materiali plastici rigidi, sia trasparenti che colorati (bianco, grigio, blu e nero), materiali gommosi, materiali simili al polipropilene, materiali plastici per alte temperature e materiali biocompatibili.